Dall'autore de "l'ipnotista"


© 2019 - Impressum

Lars Kepler scrive un nuovo impossibile caso per Joona Linna.
Un uomo è trovato morto in un appartamento ad Oslo. La vittima è un collezionista di cadaveri: quando la polizia apre il congelatore della sua cucina, trova resti di corpi in decomposizione, fra i quali c’è anche il cranio della moglie di Joona Linna, commissario della polizia criminale svedese. La tomba della povera donna, morta di cancro anni prima, è stata profanata. Pochi giorni dopo, Joona Linna è contattato da un detective della polizia tedesca per un omicidio avvenuto nei pressi di Rostock: il morto è uno stupratore e nel registro chiamate del suo telefono c’è una chiamata recente proprio al commissario. Il profanatore di Oslo e lo stupratore di Rostock hanno però anche un’altra cosa in comune: entrambi presentano segni di flagellazione sulla schiena. Non c’è dubbio, è la firma di Jurek Walter, l’assassino seriale che ha terrorizzato l’Europa. Ma non è possibile sia lui l’autore dei due crimini: Walter è morto da tempo. Può un serial killer tornare alla vita come Lazzaro? Joona Linna se lo chiede mentre cerca di spiegarsi cosa stia succedendo e mentre aumenta inesorabilmente il numero delle vittime.